Jan 102010
 

Quante volte abbiamo messo la PEEP o fatto manovre di reclutamento in pazienti con ALI/ARDS?

PEEP e reclutamento polmonare fanno parte della nostra vita quotidiana.

Da un lavoro pubblicato da Gattinoni et al. nel 2006 (1) possiamo imparare alcune cose:

  • la quantità di polmone potenzialmente reclutabile è estremamente variabile nei pazienti con ALI/ARDS (da 0 a 50% dell’intero polmone);
  • una PEEP di 15 cmH2O consente di riventilare circa il 50% del polmone potenzialmente riventilabile;
  • più è grave l’insufficienza respiratoria più è probabile una elevata quantità di polmone potenzialmente reclutabile;
  • l’aumento della compliance dell’apparato respiratorio e la riduzione dello spazio morto dopo il passaggio da 5 a 15 cmH2O di PEEP spesso depongono per una elevata quantità di polmone potenzialmente reclutabile.

3 immediate implicazioni cliniche sono:

  1. non esiste una quantità di PEEP adatta per tutti i pazienti con ALI/ARDS;
  2. un primo approccio empirico è di utilizzare PEEP più alte nei pazienti con PaO2:FiO2 più basso;
  3. la misurazione di compliance e spazio morto ci può essere utile per valutare gli effetti della PEEP sul reclutamento alveolare.

A presto, per cercare di rendere questi messaggi di semplice e  pratico utilizzo quotidiano.

1) Gattinoni L et al. Lung Recruitment in Patients with the Acute Respiratory Distress Syndrome. N Engl J Med 2006; 354:1775-86

Author: Giuseppe Natalini

  3 Responses to “PEEP e reclutamento polmonare.”

  1. Molto interessante, secondo me, la distinzione concettuale tra “reclutamento alveolare anatomico” (quello evidenziabile alla TC, per esempio) e “reclutamento alveolare funzionale” (quello che avviene solo se la PEEP non compromette la perfusione delle unità alveolari che ha reclutato, cioè se il rapporto ventilazione-perfusione è effettivamente migliorato).
    Forse nella pratica quotidiana sarebbe opportuno ricorrere più frequentemente alla TC del torace per stimare il potenziale di reclutabilità alveolare dei pazienti affetti da ARDS e guidare i clinici nell’utilizzo della PEEP.

    • Gli obiettivi della ventilazione in un ARDS sono mantenere un’ossigenazione sufficiente (PaO2 > 55 mmHg), un pH accettabile (> 7.20-7.25) riducendo le possibilità di VILI. Faccio veramente fatica a vedere l’utilità della TC, a fronte dei rischi connessi, nel modulare la ventilazione. Interessantissima invece la prospettiva che apre nella comprensione di ciò che accade dentro il polmone.

  2. La TC potrebbe forse aiutare a scegliere un valore di PEEP più adeguato proprio per ridurre le possibilità di VILI (quello da tidal derecruitment), anche se è un’ipotesi da verificare.

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)