Mar 072010
 

Se hai partecipato ad una delle precedenti edizioni del Corso di Ventilazione Meccanica penso avrai ancora negli occhi la grande quantità di nozioni teoriche acquisite nei primi tre pomeriggi ed i casi clinici nell’ultima giornata. Sicuramente ricorderai anche il clima d’aula amichevole ed informale e l’immancabile apparizione di pane, salame e gutturnio.

La valutazione dell’evento è stata molto favorevole da parte dei tanti partecipanti. Ma sognamo di fare di meglio e ci impegnamo a farlo.

Dal prossimo mese il Corso di Ventilazione Meccanica cambia faccia. Abbiamo tre obiettivi: 1) mantenere lo stesso elevato livello di approfondimento; 2) privilegiare l’applicazione clinica delle conoscenze; 3) mantenere e sviluppare nel tempo le conoscenze acquisite con una formazione continua.

Le nostre risposte a questi obiettivi sono:

  1. i contenuti proposti nella nuova edizione del Corso di Ventilazione Meccanica saranno in linea con quelli dei corsi precedenti, con una costante tendenza ad approfondire gli aspetti di monitoraggio grafico della ventilazione;
  2. la teoria di base sarà condensata in videolezioni scaricabili da questo sito prima dell’inizio del Corso in aula. In questo modo daremo ampio spazio alla clinica nelle due giornate “full immersion” in aula. Qui utilizzeremo solo la discussione di casi clinici sia per consolidare e applicare la teoria già appresa nelle videolezioni sia per fare ampi approfondimenti degli argomenti trattati sempre collegandoli al mondo reale;
  3. il nostro sito www.ventilab.org sarà la sede dove ci ritroveremo regolarmente per fare crescere nel tempo quanto appreso nel Corso di Ventilazione Meccanica. Ci saranno aggiornamenti, approfondimenti, casi clinici, discussioni su problemi aperti. Anche tu potrai inviarci contributi da pubblicare o la richiesta di suggerimenti nella gestione di pazienti che stai curando. Tutti gli amici di Ventilab potranno esserti di aiuto in tempo reale.

Il tutto nel consueto clima sereno, amichevole ed informale.

A presto, di persona e sul web.

Beppe Natalini


Author: Giuseppe Natalini

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)